| Attualità / giornale SEV

Iniziativa 13esima AVS: delegati/e USS favorevoli

La situazione pensionistica è particolarmente problematica per le donne

I/le delegati/e dell’Unione sindacale svizzera (USS) si sono espressi/e, lo scorso 15 novembre, a favore di un rafforzamento duraturo dell’AVS e della promozione della parità per le donne. È stato anche deciso di sostenere lo sciopero del clima e di chiedere misure socialmente equilibrate contro il cambiamento climatico.

Nel corso di un intenso dibattito, i/le delegati/e hanno discusso l’iniziativa popolare per la 13esima AVS. «Con questa iniziativa, formuliamo una proposta concreta e facile da attuare per contrastare le riduzioni delle rendite del 2° pilastro. Non chiediamo nient’altro che avvicinarci all’obiettivo costituzionale in base a cui l’AVS dovrebbe assicurare i bisogni di base» ha detto il presidente USS Pierre-Yves Maillard.

L’iniziativa è la risposta dei sindacati al crescente problema delle pensioni. Perché le rendite delle casse pensioni stanno diminuendo di anno in anno, anche se i dipendenti spesso pagano più contributi. «Nel 2017 la metà dei pensionati deve farcela con meno di 3600 franchi al mese, con l’AVS e la rendita del secondo pilastro», ha spiegato Gabriela Medici, segretaria centrale dell’USS. La situazione pensionistica è particolarmente problematica per le donne: ammesso che ricevano una rendita del 2° pilastro, in media corrisponde alla metà di quella degli uomini.

Gabriela Medici

Gabriela Medici ha aggiunto che un miglioramento dell’AVS è quindi di vitale importanza: «È l’unica assicurazione sociale – ha aggiunto – che tiene conto, nel calcolo della pensione, del lavoro di assistenza e di cura non retribuito». «Se il primo pilastro non viene rafforzato – ha rincarato Daniel Lampart, economista capo dell’USS – assisteremo a una privatizzazione strisciante della previdenza vecchiaia attraverso l’espansione del terzo pilastro, che comprometterà la dimensione solidaristica della previdenza vecchiaia. Coloro che possono permetterselo, inietteranno più soldi nel loro terzo pilastro. Gli altri rimarranno fermi dato che le pensioni continueranno a diminuire». Solo le persone ben pagate beneficeranno di tale privatizzazione, così come le banche e le compagnie di assicurazione.

Così i/le delegati/e hanno deciso a larga maggioranza di lanciare l’iniziativa come proposto dal comitato USS all’inizio di quest’anno, respingendo la variante suggerita dalla VPOD. Quest’ultima voleva un aumento di tutto il primo pilastro, quindi anche dell’AI. Indipendentemente dalla variante scelta, tutti i delegati erano d’accordo sull’importanza di contrastare concretamente le discussioni sull’innalzamento dell’età pensionabile e sullo smantellamento delle prestazioni.

«La discussione sull’innalzamento dell’età pensionabile per le donne poco dopo lo sciopero femminista, è stata sconcertante, disonesta e cinica», ha tuonato la presidente di Unia Vania Alleva. Che ha aggiunto: «Con questa iniziativa ci stiamo finalmente dando i mezzi per discutere di cosa significhi realmente vivere con una pensione più bassa». Il presidente centrale della VPT Gilbert d’Alessandro ha chiarito che il continuo peggioramento delle pensioni e l’insicurezza delle casse pensioni sono fonte di grande preoccupazione tra i soci. «È imperativo rafforzare l’AVS. Ed è un buon momento perché abbiamo i soldi... che dormono nelle banche». Delegati e delegate hanno inoltre deciso che gli utili della Banca nazionale svizzera devono essere utilizzati per finanziare l’AVS. Si tratterà di lavorare in Parlamento per tessere delle maggioranze a favore di questa idea. Se il percorso parlamentare dovesse fallire, l’USS prenderà in considerazione l’eventuale lancio di un’iniziativa in materia.

Elisa Lanthaler / USS

Insieme con il movimento per il clima

I/le delegati/e dell’USS hanno concluso l’assemblea con un dibattito sul cambiamento climatico. «È urgente e i giovani per il clima ci hanno mostrato cosa sono in grado di fare», ha detto la segretaria centrale dell’USS Dore Heim. I/le delegati/e hanno adottato una risoluzione per la partecipazione sindacale al movimento per il clima. La popolazione sta già risentendo delle conseguenze del cambiamento climatico, in particolare i lavoratori dell’edilizia, dell’agricoltura, dei trasporti, delle cure e dell’assistenza. Una Svizzera climaticamente neutrale è possibile dal punto di vista tecnologico ed economico se il settore pubblico e i datori di lavoro saranno disposti ad effettuare determinati investimenti. I/le sindacalisti/e sottolineano che, a tal fine, sono necessarie misure socialmente accettabili. Oggi i redditi delle persone sono fortemente influenzati dall’aumento dei costi della salute e dagli elevati affitti. «La riduzione dei gas a effetto serra deve quindi essere conseguita in misura maggiore attraverso prescrizioni tecniche e obiettivi di emissione più rigorosi. Le imposte supplementari devono essere interamente ridistribuite. La Confederazione deve finanziare i programmi di incentivazione con le proprie risorse generali. Perché solo un’ampia accettazione da parte della popolazione garantirà un rapido progresso».

L’USS invita pertanto gli/le iscritti/e a impegnarsi sul posto di lavoro il 15 maggio 2020 a sostegno della protezione del clima, con uno sciopero di avvertimento di un’ora o con un’azione durante l’orario di lavoro.

Vere pari opportunità

Più di mezzo milione di persone hanno partecipato allo sciopero delle donne* del 14 giugno. Le rivendicazioni di questo movimento devono ora essere messe in pratica. I/le delegati/e dell’USS hanno espresso chiaramente il loro sostegno allo sviluppo di un programma d’azione. «Deve concentrarsi sul nucleo centrale del problema: la situazione nei settori dell’assistenza all’infanzia e della cura deve essere migliorata», ha detto la segretaria centrale dell’USS responsabile delle pari opportunità Regula Bühlmann. La maggior parte di questo lavoro è svolto da donne. Una vera pari opportunità per le donne nel mondo del lavoro è possibile solo con «servizi di assistenza all’infanzia di qualità, come parte del servizio pubblico, accessibili a tutti e a un prezzo ragionevole», si legge nella risoluzione. Inoltre, la responsabilità della cura dei bambini e degli adulti che ne hanno bisogno, deve essere equamente suddivisa tra uomini e donne. Per l’USS è inoltre essenziale che il lavoro di assistenza e di cura sia globalmente rivalorizzato.

Commenti

  • Meier Reto

    Meier Reto22/11/2019 09:31:14

    ich bin für eine 13.AHV-Rente

  • Martinez Jose

    Martinez Jose02/12/2019 03:19:34

    Le plus correct serai d'augmenter les rentes !

Scrivi commento