| Attualità / giornale SEV

comitato sev

FVP: la lotta continua

Il comitato del SEV si è riunito in videoconferenza il 30 aprile. È stata l'occasione per ribadire che le FVP non devono essere intaccate e per dare le indicazioni per il voto per le votazioni federali del 13 giugno.

La petizione «Giù le mani dal FVP» è stata firmata più di 25'000 volte. Immagine d'archivio.

Il SEV non rinuncerà alle FVP, così importanti per i nostri membri. I tentativi dell'Ufficio federale dei trasporti di ridurre la cerchia di coloro che ne hanno diritto - come i pensionati e i familiari - non sono scomparsi. Il SEV ha inviato una lettera alla ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga per spiegare perché questi sconti non sono un privilegio, ma una parte del salario conseguito durante la vita lavorativa, e quindi una parte della pensione. «Le FVP sono un tema centrale per i nostri membri e per tutti i dipendenti del trasporto pubblico. La nostra petizione ha raccolto più di 25'000 firme, solo nella sua versione cartacea», ha detto il presidente del SEV Giorgio Tuti.

Licenziamenti antisindacali

ll comitato ha prontamente accettato una risoluzione della VPT e del suo settore autobus all'attenzione dell'assemblea dei delegati dell'USS del 28 maggio. La risoluzione chiede che l'USS faccia tutto il possibile affinché la protezione contro i licenziamenti abusivi sia una priorità in Svizzera, conformemente alla Convenzione dell'OIL n. 98. Il SEV è un sindacato di milizia dove i delegati, come i membri che li hanno eletti, sono particolarmente esposti a ritorsioni e licenziamenti. La Convenzione n. 98 dell'Organizzazione internazionale del lavoro è stata ratificata dalla Svizzera, che si è impegnata a proteggere adeguatamente i membri dei sindacati contro tutti gli atti di discriminazione che potrebbero violare la libertà di associazione (art. 1, comma 1). Secondo l'interpretazione costante e sistematica degli organismi dell'OIL, questa protezione contro i licenziamenti antisindacali prende la forma di un'adeguata compensazione o, se il licenziato lo desidera, di una reintegrazione. Queste possibilità sono attualmente inesistenti in Svizzera.

La commissione ha anche fornito le indicazioni di voto per le votazioni federali del 13 giugno. A febbraio, si era già espresso a favore della legge sul CO2 (vedi pagina 7). Per la legge Covid, sostiene la posizione dell'USS e raccomanda un voto favorevole. Nella legge COVID-19, l'USS ha ottenuto una serie di misure importanti per limitare i danni ai lavoratori causati dalla crisi del coronavirus e dalle misure sanitarie. Lo smantellamento delle disposizioni corrispondenti avrebbe gravi conseguenze per diversi settori economici, dove i posti di lavoro e i salari sarebbero minacciati.

Il Comitato SEV condivide la posizione dell'USS sulla "Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT)" e raccomanda di votare "no". Questo tema non riguarda direttamente i lavoratori, ma storicamente gli ampi poteri di indagine e sorveglianza esercitati dalla polizia hanno spesso colpito anche i partiti politici appartenenti al movimento operaio o alle organizzazioni sindacali.

Infine, il SEV, come l'USS, non ha dato una raccomandazione per le due iniziative "Iniziativa popolare per acqua potabile pulita e cibo sano" e "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici", poiché questi temi non riguardano direttamente i lavoratori.

Il comitato ha anche discusso il rapporto della commissione della gestione, che ha lodato la buona organizzazione del SEV dell'anno scorso, in particolare per quanto riguarda il telelavoro e l'introduzione delle riunioni online. La commissione della gestione ha anche analizzato il lavoro delle commissioni. Ha invitato le sottofederazioni a fare del loro meglio per garantire che ognuna di esse abbia dei rappresentanti nel Comitato dei Giovani "che è il futuro", ha detto Urs Frank, presidente della commissione della gestione.

Vivian Bologna
Enable JavaScript to view protected content.

Commenti

  • Lukas Witschi

    Lukas Witschi12/05/2021 21:09:05

    FVP: dann müsste man zuerst bei den BAV-Beamten zuerst auch anfangen, denen das GA wegzunehmen.

Scrivi commento