| Attualità / giornale SEV

Aeroporto di Ginevra

Swissport: le trattative sono fallite

Dopo più di un mese di lotta a Swissport (Ginevra), il 12 febbraio l'assemblea del personale – quasi 200 partecipanti – ha respinto a stretta maggioranza un “CCL di crisi” per la durata di due anni. La direzione intransigente non ha fatto concessioni sufficienti per convincere l'assemblea ad accettare pesanti sacrifici. Il SEV continuerà a difendere i suoi membri.

Con una stretta maggioranza, l'assemblea ha deciso di continuare la lotta e ha rifiutato un CCL di crisi. Foto: Eric Roset

Nessun accordo è stato raggiunto tra Swissport e i suoi dipendenti sostenuti dai sindacati. In conflitto dall'inizio di gennaio in seguito all'invio di contratti individuali, le parti avevano accettato di sottoporsi a una procedura di conciliazione sotto l'egida di David Hiler, il mediatore nominato dal Consiglio di Stato. Due settimane non sono state sufficienti per trovare un'intesa. Riuniti in assemblea il 12 febbraio, i dipendenti hanno rifiutato l'ultima proposta dell'azienda a stretta maggioranza: 104 no, 79 sì e 12 astensioni. Il risultato risicato mostra che la decisione è stata difficile, sapendo che in entrambi i casi - accettazione o rifiuto del CCL di crisi - i dipendenti si sarebbero trovati di fronte a un forte peggioramento delle loro condizioni di lavoro, con la direzione arroccata sul suo piano di risparmio del 25% tra tagli salariali e aumento della flessibilità.

Da un lato, l'assemblea poteva decidere a favore della firma di un CCL di crisi per un periodo di due anni, dal 1° giugno 2021 al 31 maggio 2023. Tutte le disposizioni sarebbero state ridiscusse e rinegoziate sei mesi prima della data di scadenza. Questo CCL di crisi avrebbe fornito un orizzonte di 18-24 mesi per una via d'uscita dalla crisi, da negoziare in un contesto più favorevole con la ripresa di alcune azioni aeroportuali. Le misure dolorose erano solo di natura temporanea, a differenza dei contratti individuali, che prevedono misure più strutturali. Inoltre, l'intenso negoziato di due settimane ha permesso di fare alcuni progressi, come il contributo per l'assicurazione malattia di 200 CHF al mese (su base proporzionale), mantenuto fino alla fine del lavoro ridotto.

Dall'altro lato, la firma di un CCL con il suo corollario della pace sociale, è stata vista da alcuni come l'accettazione di un peggioramento delle condizioni di lavoro senza poter ricorrere allo sciopero.

Dopo il rifiuto del CCL di crisi con una stretta maggioranza del 53%, l'assemblea ha votato un'azione immediata in città. Una delegazione dei tre sindacati è stata ricevuta dal consigliere di Stato Mauro Poggia. Le speranze di un sostegno politico per costringere l'azienda ad un accordo migliore, sono state purtroppo spazzate via. Come ha spiegato il SEV in assemblea, il ministro ginevrino ha confermato che mozioni e risoluzioni non possono obbligare Swissport a fare qualcosa. Per l'uso del personale ausiliario, possibili cambiamenti non sono previsti per diversi mesi o addirittura anni. Solo una maggiore mobilitazione nelle prossime settimane permetterà quindi di cambiare i rapporti di forza. Qualunque cosa accada in questa lotta, il SEV continuerà a difendere i suoi membri.

Yves Sancey
Enable JavaScript to view protected content.

Scrivi commento