| Attualità / giornale SEV

Il facilitatore: Stéphane Montangero, rappresentante del personale nel CA della CGN

Dieci anni fa, a settembre, è iniziato l’episodio delle secche della CGN, la compagnia di navigazione sul lago di Ginevra. Dopo una battaglia omerica tra i dipendenti e il sostegno popolare, una delle vittorie, oltre a tenere l’azienda sotto lo stesso tetto e salvare la flotta della Belle Epoque, è stata quella di ottenere un rappresentante del personale nel Consiglio di Amministrazione. Dal 2013, Stéphane Montangero vi siede. Breve bilancio.

Da 6 anni, Stéphane Montangero rappresenta i lavoratori nel Consiglio di amministrazione di CGN. Un lungo mandato di cui va fiero

Dopo una lunga battaglia di quattro anni, i marinai e il SEV avevano ottenuto un rappresentante nel Consiglio di amministrazione della nuova holding in occasione di una memorabile assemblea generale della CGN, il 16 maggio 2012. Stéphane Montangero, che aveva assicurato la gestione politica della pratica, è stato poi nominato dalle maestranze per rappresentarli nel consiglio di amministrazione della società dal marzo 2013. Una conquista sindacale che è ancora considerata un’eccezione.

Quali sono stati i tuoi primi contatti con il SEV?

Stéphane Montangero: Risalgono al periodo compreso tra il 2004 e il 2006, quando ero collaboratore parlamentare dei socialisti Marlyse Dormond e Michel Béguelin (ex vicepresidente del SEV). Poi ho avuto contatti con Olivier Barraud che all’epoca era il segretario SEV della sezione. Abbiamo fatto tutto il lavoro dal 2009 al 2012, al momento della ristrutturazione.

Come ti sei ritrovato in questa funzione?

Quando abbiamo vinto la battaglia per la rappresentanza del personale nel Consiglio di amministrazione, pensavo seriamente di aver finito il mio lavoro! Poi mi hanno chiamato e mi hanno detto: «Sei tu che vogliono i ragazzi». Ed ho accettato con grande piacere.

Come vedi il tuo lavoro?

Svolgo un lavoro entusiasmante come cinghia di trasmissione, lobbying e persuasione. Questa posizione ha una serie di obblighi, come il segreto professionale, il che significa che non si può dire tutto. Tuttavia, ho chiesto di poter far parte del comitato di sezione in qualità di membro ospite permanente, per mantenere questo legame e il contatto con la realtà dei lavoratori. Ma io non partecipo alle sessioni del CCL.

La tua presenza nel Consiglio di amministrazione è dunque utile?

Certo, ne sono convinto. A volte il solo fatto di essere nella stessa sala permette di andare avanti, senza necessariamente fare grandi discorsi. Sono fondamentalmente un facilitatore. Il mio ruolo è anche quello di spiegare. Il solo fatto di essere membro del Consiglio di amministrazione significa che i membri della direzione non possono dire qualsiasi cosa. Sanno che so le cose e che non lascerei passare nessuna assurdità.

Ciò implica un grande lavoro di relazione con la base…

In tutte le assemblee SEV ricordo di aver bisogno di informazioni. E funziona molto bene. Emergono sistematicamente alcuni problemi e questo mi permette di formulare i miei interventi nel miglior modo possibile. Naturalmente, nel consiglio di amministrazione, siamo nel campo strategico. Ma ci si scambiano anche informazioni per quanto concerne l’esercizio. Sapere, essere in grado di porre la domanda pungente grazie al fatto di partecipare alle riunione di sezione e di commissione, è molto utile.

Un esempio di info che hai trasmesso al CdA?

La questione della carenza di personale. Se guardiamo all’aumento del numero di dipendenti, dobbiamo anticipare di volta in volta, come quando la CGN prevede di ampliare la propria offerta con l’acquisizione di una barca a media velocità (BMA). È a forza di battere il chiodo che siamo riusciti a ottenere che il fabbisogno del personale deve essere meglio anticipato. Non possiamo avere in un solo colpo gli uomini dell’ equipaggio. La principale ricchezza dell’azienda, oltre alla flotta Belle Epoque, è il personale! Siamo riusciti a fare passare anche questa idea. Probabilmente anche perché intorno al tavolo c’è un rappresentante del personale e non può essere ignorato. La voce dei lavoratori, il 95% dei quali sono iscritti al sindacato, viene ascoltata, rispettata e considerata.

Perché questo rispetto?

Ciò è dovuto principalmente alla forza del sindacato in azienda. Il sindacato è forte, organizzato, dinamico, laborioso e la qualità del lavoro è riconosciuta, a partire dalla direzione. Questo è il primo asso nella manica. Inoltre, hanno un portavoce che partecipa alle riunioni della loro commissione e può fungere da collegamento quando necessario. L’importanza di avere un rappresentante del personale è riconosciuta anche dal fatto che faccio parte di quattro commissioni, tra cui quella finanziaria.

Sei stato ben accolto in CdA?

All’inizio c’era diffidenza. Poi, con il progetto CGN+ sulla cultura aziendale, in cui sono stato coinvolto, tutti hanno potuto vedere la nostra capacità collaborativa. Poi lo sguardo è cambiato. A poco a poco, ho preso il mio posto e ho capito dov’era il margine di manovra. Devi lavorare per dimostrare la tua legittimità. Poi ho progressivamente capito che potevo formulare anche delle proposte ed essere una risorsa.

In sei anni ci sono state battaglie perse?

Per quanto riguarda gli interessi del personale staff, non mi sembra di aver lasciato passare molto (ride). Oppure sono tornato alla carica nella seduta successiva in un modo diverso.

Di cosa vai più fiero?

Quello di cui sono più orgoglioso è che i ragazzi mi hanno ridato la loro fiducia qualche settimana fa. Sei anni dopo la nomina, essere riconfermato, con unanime sostegno, e avere il loro sostegno, è per me fondamentale, soprattutto per questo tipo di lavoro. Dobbiamo essere in sintonia. E ho avuto questa percezione. L’evoluzione della forza lavoro è anche motivo di orgoglio, così come l’evoluzione del fondo pensione e il lavoro sulla cultura aziendale.

Yves Sancey

Enable JavaScript to view protected content.

Bio

Militante ed edonista, la carriera del socialista di Losanna Stéphane Montangero (classe 1971,) è soprattutto associativa. L’elenco delle organizzazioni in cui, passate e presenti, ha fatto parte è impressionante (Croce Rossa Vodese, WWF, CSAJ, Sofia Mother Foundation, BD-Fil, Public Eye, ATA, ecc.) A livello professionale, questo laureato in amministrazione pubblica è segretario generale della Federazione Fourchette verte Suisse (dal 2009) e membro del Consiglio di amministrazione della CGN SA dal febbraio 2013, che si riunisce una volta al mese. A livello istituzionale, dopo una breve parentesi nel Consiglio comunale di Losanna e nella Commissione finanze, nel 2007 è stato eletto deputato al Gran Consiglio. Dal 2012 è membro della Commissione finanze. Tra il 2013 e il 2018 è stato membro del Comitato esecutivo del Partito socialista svizzero e, tra il 2014 e il 2018, presidente del Partito socialista vodese. Quest’autunno è candidato (PS/VD) al Consiglio nazionale.

Scrivi commento