| Attualità / giornale SEV

Sulle orme di...

Capitano Mathias Gay-Crosier

Mathias Gay-Crosier, un cappello come futuro capitano e come presidente di sezione. Fotografia di Aude Haenni.

Da bambino, si scatenava con gli sci. Oggi taglia le onde ai comandi delle magnifiche imbarcazioni della Compagnia Generale di Navigazione (CGN) sul lago di Ginevra. Ritratto di questo marinaio d’acqua dolce dal cuore grande.

Partito da Thonon-les-Bains, il battello Ville-de-Genève si avvicina dolcemente. Il sole, che tarda a sorgere, tinge di rosa alcune nuvole sopra le Alpi, che sembrano ombre cinesi. L’aspirante capitano Mathias Gay-Crosier manovra la sua nave per l’attracco. Dal suo posto di comando, trasmette le istruzioni finali al suo equipaggio per l’attracco al pontile. Sono le 7 e 20 del mattino e più di 300 frontalieri scendono dal battello per andare al lavoro a Losanna e nei dintorni. Tra pochi minuti, la barca ripartirà per Thonon. Mathias mi accoglie calorosamente e mi fa entrare nella timoneria. Una volta effettuate le manovre per lasciare il porto, parliamo della sua carriera professionale e sindacale.

Dalla montagna al mare

Figlio della montagna, ha trascorso molto tempo sugli sci con un padre che era responsabile di diverse aziende di impianti di risalita a Crans-Montana. Appassionato di sport, gioca a calcio e pratica lo sci acrobatico. Niente predestinava Mathias per una carriera sulle acque blu del lago di Ginevra.

Dopo una formazione senza problemi, inizia un apprendistato come ebanista che non andava bene. Lavora poi per alcuni anni come impiegato di commercio al dettaglio di articoli sportivi a Crans-Montana, poi a Verbier. Di ritorno da un corso di lingua in Inghilterra, «con 5 franchi in tasca», Mathias si ferma a Ginevra dove trova un impiego come responsabile di reparto in un negozio di articoli sportivi. Scopre anche una nuova passione: le barche a vela. E, per vivere la propria passione, si imbarca come membro di equipaggio su una nave. E siccome spesso una cosa tira l’altra, trascorre tre anni in mare, viaggia molto e incontra la donna che diventerà sua moglie mentre era skipper in una crociera in Croazia. Quando vede un annuncio per un lavoro da marinaio in estate alla CGN, coglie la palla al balzo. Con un’idea in mente: «Un giorno essere capitano di una barca Belle Epoque».

Giuramento nel 2020

Per diventare capitano, gli ci sono voluti più di 13 anni di pazienza: da marinaio a controllore, da motorista a timoniere fino a pilota. Un sacco di teoria e pratica. L’aspirante capitano diventerà ’Capitano II’ il 2 aprile 2020 durante una cerimonia di giuramento. Per lui, «capitano, è un lavoro appassionante. Devi voler andare sul lago e assumerti le tue responsabilità. Le settimane in cui andiamo a lavorare sulle imbarcazioni «Belle Époque» sono ciò che rende la nostra professione così affascinante. Inoltre, il lago non è mai lo stesso. Il lavoro è molto vario e apprezzo il contatto con l’utenza». Uscendo da dietro le montagne, il sole è ormai alto nel cielo e fa brillare il lago con mille luci. L’equipaggio finalmente fa colazione intorno alle 8 del mattino. Mathias si è alzato presto questa mattina; verso le 3:30 per essere pronto ad iniziare il turno alle 4:45 del mattino. Un buon caffè e via... Naturalmente non c’è solo questa ambientazione da sogno in cui naviga; Mathias ci parla anche di orari irregolari, lavoro nei fine settimana, organizzazione familiare che non sempre è facile da impostare. In inverno lavora presso la sede della CGN, alla falegnameria. Ma anche qui il lavoro è molto più intenso e meno flessibile che in passato.

Partecipare alla vita dell’azienda

All’inizio non era interessato ad aderire ad un sindacato; lavorare in un’azienda dove il 95% del personale fa parte del SEV, cambia la prospettiva. Non solo ha aderito al sindacato, ma è pure presidente della sezione VPT-Lac Léman «per interesse e desiderio di partecipare alla vita attiva dell’azienda». Non mancano le sfide sindacali. L’azienda si sta espandendo rapidamente con l’arrivo di due nuove imbarcazioni. Il cantiere sarà al centro di importanti lavori di ristrutturazione. È preoccupato per i turni di lavoro e per la situazione dei cassieri. E la parte più importante sarà il rinnovo del CCL. La presidenza della sezione sindacale sa che si tratterà di un grande impegno: «Si tratta infatti di tempo preso dalla tua vita privata. E anche i vari comitati e commissioni richiedono molto tempo. A cui si aggiungono gli incontri con le direzioni. L’ampiezza degli argomenti è ciò che rende interessante il lavoro sindacale».

Fortunatamente, c’è anche una vita al di fuori del lavoro e del sindacato. Un po’ per caso e soprattutto perché i suoi due bambini giocano a basket alla BBC Nyon, Mathias allena gli U9, che hanno al massimo 9 anni. «Questa attività mi permette di cambiare le idee. Quando sono immerso nella pallacanestro non penso ad altro. È un momento in cui posso sfogarmi. È bello.» Del resto ama fare sport: «Mi piace camminare d’estate, andare in barca a vela. E sciare d’inverno». Anche al di fuori del lavoro, le montagne non sono mai veramente lontane dal lago.

Yves Sancey

Scrivi commento