| Attualità / giornale SEV

FFS - Polizia dei trasporti

Il SEV interviene con successo

All’inizio del 2018 il punto d’appoggio della TPO di Zurigo è stato trasferito dalla stazione centrale di Zurigo a Zurigo-Altstetten. Per alcuni collaboratori questo significa un aumento del tragitto per recarsi al lavoro. Per i diretti interessati, il SEV ha ottenuto un piccolo successo.

Nel 2017, la Polizia dei trasporti delle FFS (TPO) annunciava il trasloco dalla stazione centrale di Zurigo a Zurigo-Altstetten. Da quest’anno il più grande punto d’appoggio svizzero della TPO è quindi stato trasferito. Il SEV aveva criticato molto questa decisione, ribadendo che è un rischio per la sicurezza dei viaggiatori e del personale delle FFS, dislocare la polizia dalla più grande stazione della Svizzera.

Intervento di successo

In relazione al trasferimento e al conseguente aumento dei tragitti di alcuni collaboratori per recarsi al lavoro, nel febbraio di quest’anno il SEV è intervenuto presso le FFS. Questo ha indotto le FFS a rivedere la situazione dal punto di vista giuridico.

Le prestazioni in caso di trasferimento in un altro luogo di lavoro sono disciplinate nel CCL FFS nell’appendice 3. L’articolo 3, capoverso 3 stabilisce, tra l’altro, che fino al momento del cambiamento di domicilio, per un anno al massimo, la metà del tempo supplementare di viaggio viene computata quale supplemento di tempo del turno di lavoro.

Nel corso degli approfondimenti iniziali, si è ritenuto che lo spostamento del punto d’appoggio da Zurigo HB a Zurigo-Altstetten non interessasse il suddetto articolo. Dopo ulteriori chiarimenti è stato però stabilito che le FFS devono computare il tempo come segue: per tutti i collaboratori che iniziano il turno di servizio a Zurigo-Altstetten anziché Zurigo HB e che subiranno per questo motivo un’aumento del tragitto per recarsi al lavoro, riceveranno retroattivamente a partire dal 1° gennaio 2018 per un anno intero un supplemento di tempo di 7 minuti per ogni turno svolto. L’accredito viene effettuato dal distributore all’inizio del mese successivo.

Con questa decisione, il SEV è stato in grado di ottenere una compensazione parziale per il personale coinvolto.

Un’altra partenza

Dopo che a giugno il capo della regione romanda ha lasciato l’incarico, giunge ora la notizia di una nuova partenza: il comandante della TPO Jürg Monhart lascia la società con effetto immediato, il suo sostituto Anton Emmenegger assume ad interim la direzione.

Il SEV spera che dopo questi mesi tormentati, ritorni presto stabilità e serenità.

La mancanza di personale TPO a Ginevra sta diventando sempre più problematica. Con gli effettivi attuali ed esempio, è quasi impossibile far fronte alle richieste delle FFS e quelle delle TPG. La situazione è particolarmente seria nei treni notturni del fine settimana nella regione del Lago Lemano, non da ultimo a causa della negativa soddisfazione del personale: secondo un sondaggio del SEV alla TPO, l’82% del personale francofono pensa al licenziamento.

La sicurezza copre i costi?

Ciononostante, le FFS vogliono coprire i costi della polizia dei trasporti. La sicurezza è però prioritaria e non può avere un prezzo. Tutto questo va oltre il profitto!

Scrivi commento