| Attualità / giornale SEV

Commissione Giovani del SEV

Per il futuro

Alla conferenza che nel 1969 riunì i responsabili dei gruppi giovanili si discusse delle «nuove correnti dei giovani» e di una riforma sostanziale della politica d’istruzione.

Il SEV ha strutture per i giovani soci da relativamente molto tempo. Già nel lontano 1961 decise di dare una base più solida alle attività sindacali dei giovani. Da allora, i gruppi giovanili sono parte integrante delle strutture del SEV. All’inizio le attività dei gruppi erano per lo più orientate al tempo libero e alle attività educative. Ma il movimento del 1968 influenzò anche i giovani del SEV e le attività di gruppo assunsero un carattere decisamente più politico. Molti giovani ritenevano la politica tradizionale del SEV come eccessivamente domita e chiedevano una linea più militante, come in passato.

Oggi tutti i soci fino a 30 anni sono organizzati nella Gioventù SEV. I giovani sono rappresentati nel comitato e in tutti gli organi importanti, anche oltre il SEV, come la commissione giovani dell’USS o la Federazione svizzera delle associazioni giovanili (FSAG). Ciò garantisce che i giovani sindacalisti e le giovani sindacaliste abbiano voce in capitolo e che le loro preoccupazioni siano ascoltate.

Oggigiorno le «correnti» sono altre, ma la gioventù SEV è sempre piena di energia.

La Gioventù SEV fornisce un aiuto orientato alla pratica per tutte le questioni riguardanti l’occupazione, visita le apprendiste e gli apprendisti sul posto di lavoro, organizza corsi su temi d’attualità e realizza attività per il tempo libero.

Elisa Lanthaler

Scrivi commento