| Attualità / giornale SEV, Gesundheit am Arbeitsplatz

Violenza nei trasporti pubblici

Aggressione verbale o fisica? Annunciate la.

Ogni aggressione è un'aggressione di troppo. Il diritto di lavorare in sicurezza senza dover pensare alla propria integrità fisica o psicologica o alla propria salute è un diritto inalienabile. Design : Tiemo Wydler.

Sebbene siano ancora troppe le aggressioni, sia verbali che fisiche, nei confronti del personale dei trasporti pubblici, va ricordato che dal 2007 la legge sul trasporto passeggeri prevede che i reati contemplati dal codice penale siano perseguiti d’ufficio. I sindacati, le aziende, i funzionari di polizia e i giudici istruttori devono rimettere al centro la sicurezza del personale dei trasporti pubblici. Il punto con Gilbert D’Alessandro, presidente centrale della VPT del SEV.

Sei preoccupato per la violenza che i nostri colleghi subiscono su bus, tram, treni e agli sportelli?

Gilbert D’Alessandro : Certamente. Ogni aggressione è un’aggressione di troppo. È un principio fondamentale quello della tolleranza zero in questo campo. Essere aggrediti è spesso traumatico e, soprattutto, l’aggressione non deve essere banalizzata. La violenza, che avvenga in un’azienda concessionaria di trasporto (ITC) o presso le FFS, è sempre violenza.

Violenza verbale o fisica, aggressione, inciviltà, intimidazione, sputi, insulti: esistono molte forme...

È vero, ma ci sono anche forme di violenza più insidiose, come gli incessanti richiami al rispetto degli orari che, se ripetuti durante la giornata, sono una forma di violenza. Un altro esempio sono i lavori stradali. Le aziende dovrebbero fare ancora di più a monte, per individuare con i conducenti i luoghi critici che possono creare tensione, soprattutto se la strada è stretta e si creano problemi di passaggio o di precedenza.

Hai degli esempi concreti di misure prese per evitare questo genere di tensioni, che generano violenza ?

Gilbert D’Alessandro, presidente centrale della VPT del SEV. Foto Yves Sancey

A Friburgo, la comunicazione e il coordinamento che stanno a monte, tra la città e gli autisti, sono relativamente efficaci nell’anticipare questo tipo di problemi. Ai TPF, inoltre, vengono anticipati i fine settimana più affollati mettendo a disposizione più Securitas. Ai trasporti losannesi (tl) invece, gli agenti di sicurezza sono presenti su ogni autobus durante i servizi notturni del fine settimana (pigiama bus). Questo costa all’azienda, ma è molto apprezzato dai colleghi. Esistono quindi alcune buone pratiche, ma purtroppo non sono sempre uniformi in tutte le ITC e in tutti i cantoni.

Ma è sufficiente?

No, certamente non basta. Anche nei giorni feriali, a partire da una certa ora, i controllori di treni o autobus dovrebbero essere accompagnati dalla polizia ferroviaria. Questo accompagnamento ha un costo, ovviamente, ma anche il non farlo. Le aziende dovrebbero avere un proprio personale di sicurezza formato che conosca il settore specifico dei trasporti, come è il caso per Securitrans alle FFS.

Se un/a collega viene insultato/a durante il servizio, cosa bisogna fare?

Nella maggior parte degli autobus, un adesivo indica che qualsiasi aggressione al personale sarà perseguita d'ufficio. Foto Yves Sancey

Si deve informare immediatamente l’azienda per la quale si lavora (vedi riquadro). Tutte le ITC dovrebbero avere un documento - un modulo interno da firmare - con il quale annunciare questo tipo di cose. Il modulo dei TPF è particolarmente ben fatto e potrebbe ispirare molte altre ITC. Bisogna farlo sempre, anche per qualcosa che può sembrare relativamente banale. Bisogna poi chiamare il proprio superiore entro 24 ore, così che possa chiedere il video se il veicolo è stato filmato. L’azienda vi chiamerà per sapere cosa è successo. Alla fine sarete voi a decidere se presentare o meno un reclamo. Se spuntate la casella “Desidero che l’azienda denunci l’infrazione all’autorità competente ai sensi dell’art. 59a della Legge federale sul trasporto di viaggiatori (LTV)”, allora l’azienda se ne fa carico e il caso viene perseguito d’ufficio. Tuttavia, alcune aziende pensano che la decisione spetti a loro. Non è vero. Si può anche decidere di fermarsi lì e la segnalazione ha almeno permesso di rendere visibile l’incidente: senza una traccia, le aggressioni rimangono invisibili. Bisogna segnalarle!

Da dove arriva l’articolo 59 LTV?

È il risultato di una lunga battaglia sindacale condotta dagli stessi autisti SEV, in particolare da Johan Pain, e di un lungo iter parlamentare guidato dal friburghese Erwin Jutzet. Dal 2010, l’articolo 59 LTV stabilisce chiaramente che «I reati previsti dal Codice penale sono perseguiti d’ufficio quando sono commessi contro persone nell’esercizio delle loro funzioni di dipendenti di imprese titolari di una concessione o di un’autorizzazione», o di un subappaltatore. Questo principio di perseguibilità d’ufficio è riconosciuto anche dall’articolo 88 della Legge federale sulle ferrovie (Lferr) per i dipendenti delle imprese ferroviarie concessionarie (vedi Box, sotto). In precedenza, i nostri colleghi dovevano portare avanti i procedimenti da soli, e questo era molto pesante oltre all’aggressione subita.

E cosa fare se si viene aggrediti fisicamente?

In questo caso, bisogna fare come nel caso di un’aggressione verbale, ma il reato sarà comunque perseguito automaticamente una volta denunciato all’azienda. Se siete alla guida, dovete fermare il veicolo o smettere di controllare. Dovrebbe essere obbligatorio per tutte le aziende dotare i propri veicoli di un pulsante di emergenza o di un telefono cellulare con GPS. Ai tpf, si chiama Houston.

L’anno prossimo celebreremo il 25° anniversario delle prime firme sulla Carta d’impegno per una miglior sicurezza dei trasporti pubblici. Può ricordarci di cosa si tratta?

Purtroppo le violenze subite dai nostri colleghi non sono una novità. 25 anni fa, il GATU, il precursore della VPT, ha preso in mano questi problemi e si è battuto affinché la violenza fosse perseguita d’ufficio. Con la Carta, la direzione, il personale e i sindacati si sono impegnati a sviluppare collettivamente misure di prevenzione e di sostegno per ridurre il rischio di violenza e di aggressione e per fornire il necessario supporto alle vittime. In particolare, si sono impegnati a istituire un gruppo congiunto per osservare gli episodi di aggressione e violenza, analizzarli e presentare proposte alla direzione.

Cosa è previsto per il futuro?

Nell’ambito delle celebrazioni per il 25° anniversario della Carta, l’anno prossimo, organizzeremo una campagna per riportare questo tema al centro delle nostre azioni. Coglieremo l’occasione per riattivare questi comitati misti e istituirli dove non esistono. A Friburgo, abbiamo incluso anche rappresentanti della polizia e delle scuole. Dobbiamo riattivarli.

Nei prossimi mesi avremo pane per i nostri denti...

Sì, dobbiamo anche informare i nostri colleghi affinché sappiano meglio cosa fare in caso di aggressione. E con i giudici e i poliziotti per ricordare loro questo articolo di legge poco conosciuto. Mancano le statistiche. I nuovi autisti ricevono informazioni su questi temi troppo in fretta, e dovrebbe esserci una maggiore formazione sulla de-escalation. Si dovrebbero lanciare campagne con utenti, ciclisti e automobilisti per spiegare cosa significa guidare un autobus o un tram che non si ferma come una bicicletta. Quindi sì, abbiamo ancora del lavoro da fare!

Yves Sancey

Ogni aggressione è una di troppo

Un controllore schiaffeggiato su un treno. Una conducente di autobus a cui viene dato della cogliona perché una cliente si lamenta che perderà la coincidenza a causa del ritardo sulla strada congestionata. Un'assistente alla clientela che deve mettere al riparo i passeggeri terrorizzati da una banda di giovani festaioli armati di coltello... Negli ultimi mesi, sempre più colleghi della ZPV, della LPV, di AS e della VPT si sono trovati di fronte a minacce e aggressioni verbali e talvolta persino fisiche. La destra autoritaria non ha di certo il monopolio sulla questione della sicurezza. È legittimo che i nostri colleghi e le nostre colleghe si rifiutino di andare al lavoro con il cuore in gola. La risposta a questa mancanza di sicurezza, anche per i passeggeri, sta in gran parte in risorse supplementari per garantire una migliore presenza sui treni, sugli autobus e nelle stazioni.

Questa mancanza di sicurezza si riflette nelle cifre. Solo nel primo trimestre del 2024 sono state denunciate 400 aggressioni da parte del personale delle FFS (vedi il nostro ultimo numero). Nella statistica criminale del 2023, quasi 700 reati perseguiti d'ufficio ai sensi dell'articolo 285 del Codice penale sono stati registrati sui mezzi di trasporto pubblici, alle fermate o nelle stazioni. Questa è solo la punta dell'iceberg delle aggressioni. Quando è troppo è troppo.

Ogni aggressione è un'aggressione di troppo. Il diritto di lavorare in sicurezza senza dover pensare alla propria integrità fisica o psicologica o alla propria salute è un diritto inalienabile. È un'esigenza umana fondamentale che è stata al centro delle lotte sindacali fin dal XIX secolo.

Oggi, la Legge sul lavoro, la Legge sulla durata del lavoro (Ltr e LDT), il Codice delle obbligazioni (CO) e i Contratti collettivi di lavoro (CCL) impongono ai datori di lavoro di adottare misure per tutelare l'integrità personale dei colleghi e delle colleghe. Hanno inoltre il dovere di introdurre misure per combattere la discriminazione, il mobbing e le molestie sessuali.

Nel 2000, le aziende hanno firmato una Carta d'impegno per migliorare la sicurezza nel settore dei trasporti pubblici (vedi download, in alto). È ora di aggiornarla.

Nella lotta per una migliore tutela della salute e della sicurezza, le conoscenze e le competenze del personale per agire sul campo sono fondamentali. I nostri colleghi e le nostre colleghe sono spesso nella posizione migliore per proporre soluzioni che rendano la guida più confortevole e sicura.

Di fronte a sentimenti di paura, ripiegamento su se stessi, rassegnazione e impotenza, esiste un potente antidoto: il sindacato che crea legami e solidarietà. Si batte con voi per i vostri diritti e la vostra sicurezza.

Commento di Valérie Boillat, vicepresidente del SEV

Cosa fare in caso di aggressione?

Il SEV ha pubblicato un opuscolo (vedi download, in alto) che fornisce alcuni consigli in caso di attacco. In breve:

  • Mantenere la calma e proteggersi.
  • Durante un’aggressione, premere il pulsante di sicurezza per consentire alla centrale di registrare il suono nell’abitacolo, valutare la gravità della situazione e chiamare la polizia se necessario.
  • Contattare la polizia e, se necessario, l’ambulanza (144).
  • Al bisogno, chiedere un aiuto psicologico. Informare i propri superiori e, se necessario, farsi sostituire.
  • Assicurarsi di avere tutte le prove necessarie (testimoni, video, foto).
  • Telefonare al proprio superiore per ottenere la registrazione dell’accaduto.
  • Non aspettate 24 ore, altrimenti potrebbe essere cancellata.
  • Compilate il modulo interno fornito per denunciare l’aggressione. L’azienda ha il dovere di denunciare l’aggressione alla polizia ed è responsabile di prendere le misure necessarie.
  • Entro 3 mesi, è possibile aggiungere una denuncia penale all’azione penale d’ufficio o un’azione civile.
  • Se necessario, contattare l’assistenza legale del SEV.

 

Legge federale sul trasporto di viaggiatori (Legge sul trasporto di viaggiatori, LTV)

Art. 59 Perseguimento d’ufficio

I reati previsti dal Codice penale sono perseguiti d’ufficio se sono commessi contro le seguenti persone durante il loro servizio:

a. gli impiegati delle imprese titolari di una concessione o autorizzazione secondo gli articoli 6–8;

b. le persone incaricate di un compito in luogo degli impiegati di cui alla lettera a

 

Legge federale sulle ferrovie (Lferr)

Art. 88 Perseguimento d’ufficio

I reati previsti dal Codice penale sono perseguiti d’ufficio se sono commessi contro gli impiegati delle imprese ferroviarie titolari di una concessione secondo l’articolo 5 durante il loro servizio.

Commenti

  • Martin Abegglen

    Martin Abegglen 04/07/2024 07:22:18

    ICE372 vom 02.07.24
    Mann auf Platform erklärt Touristen aus Korea nach Abfahrt in Interlaken West in "Bärndütsch" Dialekt sichtlich und hörbar wie man nach Interlaken Ost käme. Die Gäste verstehen nur Bahnhof und zeigen sind dankbar erkläre ich es Ihnen in englischer Sprache. Ich bitte Sie in der 2. Kl Platz zu nehmen und regle das mit dem Ticket und Rückfahrt. Während Billettkontrolle des Herrn von vorher macht Er sich lustig über diese 2 von vorhin, klopft Sprüche und ich bin froh darf ich Ihm sein gültiges Ticket in Papierform auch gleich wieder zurückgeben. Später im nächsten Wagen einige Abteile weiter fragt Er mich forsch: Wo ist das Restaurant??? Ich mache Platz stehe zur Seite und gebe Ihm kurz Antwort. Er geht vorbei und haut mir eins seitwärts rein! Zum Glück habe ich meinen Arm lang ausgestreckt und der Schlag kann verteidigt werden. Ich beisse auf die Zähne lasse mir nichts anmerken und arbeite weiter...

  • Martin Abegglen

    Martin Abegglen 04/07/2024 08:01:24

    Aus Unserem ZP Arbeitsaltag:

    Nach Abfahrt Zug in Bern
    Grüsech mitenand...Alli Billett bitte...!!!
    Danke...thank you...next stop Thun...merci...
    ALLI BILLETT BITTE Hauptkontrolle...
    Reisende: Waas...Würum muesis zeige...I has scho zeigt...!!!
    Ich: Entschuldigung äs tuet mir....
    Reisende: Wie isch öie Name....(steht auf) streckt Ihr Handy mit Billett zu mir und sucht mein Namenschild mit meinem Namen drauf
    Später schreibt Sie dem Kundendienst eine Reklamation die ich und meine Kollegen ja so als nicht angebracht finden und Warum: Weil ich und Andere sich 3-4 Wochen später im Chefbüro wieder treffen und Uns über solche Fälle unterhalten dürfen. Ich stelle mir hierbei einfach die Frage: Was ich bin... darf und was ich besser in Zukunft lieber lassen sollte...