| Attualità / giornale SEV

Dopo una settimana di agitazioni in Germania

Sciopero vittorioso in Germania

Dopo una settimana di scioperi, in particolare nelle metropolitane, tram e treni, i 2,3 milioni di impiegati del servizio pubblico e dipendenti pubblici vedranno aumentare i loro salari del 7,5%. Le lotte degli impiegati si estendono alla difesa di tutti i servizi pubblici. Questa osservazione non riguarda solo i movimenti sociali che si stanno sviluppando in Francia (SNCF, ospedali, università). Anche dall’altro lato del Reno gli scioperi sono stati molto seguiti. Il 10 aprile hanno pesantemente colpito gli aeroporti del paese. Circa 800 voli Lufthansa sono stati cancellati, cioè un volo su due della grande compagnia tedesca.

L’11 aprile a Düsseldorf metropolitana e tram sono rimasti fermi. Stesso scenario in Renania-Palatinato. Nella stessa regione, l’attività di alcuni ospedali è stata fortemente influenzata. Di fronte al blocco delle discussioni per il rinnovo di un accordo tariffario in tutti i servizi pubblici, il sindacato Ver.Di, che conta circa 2,6 milioni di membri, ha deciso di lanciare diverse ondate di scioperi, settore per settore.

Il grado di rabbia è alimentato dal contrasto tra la performance finanziaria dei campioni dell’economia e i salari stagnanti. Soprattutto perché la precarietà si è diffusa rapidamente nei servizi pubblici. Circa il 42% dei lavoratori dipende da contratti a tempo determinato.

L’ondata di sciopero, che ha paralizzato molti servizi pubblici in Germania nei giorni scorsi, si è poi conclusa mercoledì 18 aprile. Le parti interessate hanno raggiunto un accordo su un aumento salariale molto significativo: 2,3 milioni di impiegati del servizio pubblico e dipendenti pubblici vedranno aumentare gradualmente la propria remunerazione del 7,5% entro il 2020.

ysa / frg

Scrivi commento