| Attualità / giornale SEV

Penuria di personale

Macchinisti: professione sempre meno attrattiva

Hansruedi Schürch, Präsident SEV-LPV.

Entro cinque anni le FFS dovranno sostituire circa un migliaio di macchinisti, anche perché molti dipendenti andranno in pensione. La scorsa settimana questa informazione ha avuto una grande eco sui media nazionali, dopo una serie di articoli pubblicati dal Blick e la cancellazione di 25 treni la settimana prima proprio a causa della carenza di personale.

La LPV/SEV, attraverso il suo presidente centrale Hans-Ruedi Schürch, ha preso una posizione chiara denunciando salari bassi, orari di lavoro irregolari, attività ricreative difficili, un problema di compatibilità con la vita familiare e poche possibilità di avanzamento: quello che una volta era il lavoro dei sogni di molti bambini, oggi non è più attraente per coloro che stanno appena iniziando.

Una professione che attira sempre meno persone

Hans-Ruedi Schürch ritiene che per troppo tempo le FFS si sono affidate all’immagine di un lavoro da sogno e hanno formato troppo pochi conducenti. Con un salario d’ingresso di 45’000 franchi lordi, i giovani non sono più attratti, soprattutto perché anche la crescita salariale è insoddisfacente.

Inoltre, il capo delle FFS Andreas Meyer ha rilasciato dichiarazioni sui treni senza conducente. «Questo ha aiutato a turbare i potenziali candidati», aggiunge.

Le FFS ammettono effettivamente che le giovani generazioni sono meno motivate per dedicarsi a questo lavoro. Tuttavia, il portavoce FFS Reto Schärli, sottolinea che la professione ha un futuro nonostante l’automazione in corso. Saranno comunque necessari professionisti anche per i treni autonomi, in particolare «in situazioni operative straordinarie».

Attualmente le FFS impiegano circa 3500 macchinisti. Ma con l’espansione del servizio ferroviario, è necessario maggiore personale. Attualmente si tengono da dieci a dodici corsi di formazione all’anno, contro i tre o quattro degli anni precedenti. Tuttavia, secondo il presidente centrale della LPV Hans-Ruedi Schürch, il numero desiderato di candidati da 12 a 18 per classe è sempre meno raggiunto.

Sulle onde della trasmissione radiofonica Forum, il segretario sindacale del SEV Christian Fankhauser ha inoltre sottolineato che le FFS si rifiutano di premiare i collaboratori nonostante che i conti del 2018 hanno chiuso con un utile di 568 milioni di franchi. Se proprio si vuole parlare di motivazione...

Vivian Bologna con ATS

Commenti

  • Un cheminot

    Un cheminot24/06/2019 23:08:04

    Et dans la maintenance c'est pas mieux, les anciens avec de l'experience sont denigrés, retrogradation échelons, garanties de salaire, non reconnaissance du travail effectué, les gens s'en vont car ils trouvent de meilleurs salaires ailleurs, des horaires d'esclave, on engage des temporaires à la pelle, il faut les former, après ils partent car on ne veut pas les engager à des salaires convenables, etc., etc., etc.

Scrivi commento