| Attualità / giornale SEV, Frauen, Frauen und Gesundheit

Donne

Gravidanza ad ostacoli

La storia di Katia fa davvero scoraggiare le future madri dal lavoro alla guida, almeno presso i tpg.

Katia aspetta un lieto evento. Rimane incinta nell’ottobre 2019 del suo primo figlio. La gravidanza procede bene ma la legislazione le sconsiglia di lavorare come autista di autobus. «Il mio datore di lavoro mi ha fermato dopo sette settimane di gravidanza, il che è una buona cosa, per proteggermi». La fregatura è che l’azienda le trova un altro incarico come tirocinante nel dipartimento di marketing, vendite e comunicazione (MVC). In apparenza, questa poteva essere una buona soluzione, dato che Katia aveva ottenuto un AFC in gestione della vendita al dettaglio. «Una sezione per nulla adatta perché alla fine dell’anno c’è uno stress permanente. Inoltre, in concomitanza con il lancio del Léman Express e la creazione del deposito di En Chardon, la situazione era ancora più gravosa . Questo ambiente stressante non era adatto alla mia situazione. Ero già molto stanca per questa prima gravidanza e lo stress professionale ha peggiorato la situazione».

Katia viene messa al 50% in malattia. In tutto, sarà assente dal lavoro solo per due settimane. Solo che il suo stage viene interrotto il 18 marzo 2020 a causa della pandemia senza che l’azienda le offrisse un’alternativa. «Poiché non ero più in grado di lavorare, i tpg hanno considerato che ero stata assente per malattia per più di tre mesi e questo ha dato loro il diritto di ridurre le mie vacanze. Volevano ridurle di 14 giorni. Ho contestato la decisione perché se non ero in grado di lavorare, era a causa della mancata offerta alternativa da parte dei tpg, che non mi ha proposto un altro incarico. Così ho contattato il SEV e con la segretaria sindacale Valérie Solano abbiamo vinto la nostra causa. Ma tutti questi ostacoli sono faticosi e danno una cattiva immagine dell’azienda, che vorrebbe essere maggiormente attrattiva per le donne».

Katia ha dovuto sopportare molte angherie. I tpg hanno chiesto al suo medico di certificare che poteva lavorare – mentre i medici sono interpellati per certificare l’inidoneità – e di rinunciare al segreto medico durante i periodi di formazione in gravidanza... Dopo la nascita di suo figlio alla fine di maggio 2020, Katia ha beneficiato di quattro settimane di congedo per allattamento previste dallo statuto dei dipendenti tpg. «Questo congedo per l’allattamento è considerato come una malattia. Così, se un dipendente è malato in altri periodi dell’anno, rischia una riduzione delle ferie se l’assenza per malattia supera i tre mesi. Quando siamo assunti, questo congedo per allattamento ci viene venduto come una prestazione progressista. In realtà non lo è». Le insidie si materializzano anche quando Katia torna al lavoro dopo il suo congedo per allattamento prolungato. Poiché sta allattando, la legge le dà diritto a 90 minuti in più al giorno. Per allattare al seno, deve essere disponibile un frigorifero e i locali devono essere adatti all’estrazione del latte. Ma queste condizioni non erano soddisfatte per un’autista. I tpg l’hanno quindi esentata dalla guida e le hanno offerto un corso di formazione.

Come in un brutto sogno, le è stato infatti proposto un corso di formazione nel settore tecnico, molto faticoso (carichi pesanti, pulizia e trasporto di attrezzature) e inadatto alla realtà di una donna che allatta. «L’allattamento al seno è molto faticoso e ho l’impressione che ci sia una mancanza di consapevolezza».

Dopo aver lottato di nuovo con l’appoggio di Valérie Solano, ho potuto fare uno stage nel settore dell’abbigliamento. Katia non sta più allattando e può riprendere a guidare dopo un viaggio irto di difficoltà. «Non ero a mio agio né durante la gravidanza né dopo. I tpg dovrebbero occuparsi meglio del benessere delle donne se vogliono presentarsi come un datore di lavoro attrattivo.»

Vivian Bologna
Enable JavaScript to view protected content.

Modelli arcaici

Valérie Solano è segretaria sindacale del SEV a Ginevra dove è responsabile dei tpg.

Che cosa pensi di quanto è successo a Katia?

Constato che se una donna non esige i suoi diritti, questi non saranno automaticamente concessi. C’è chiaramente una mancanza di informazione sui diritti - voluta o meno. Le angherie vissute da Katia dimostrano che una donna deve adattarsi alla vita dell’azienda. Evidenziano anche il modo in cui molte aziende di trasporto pubblico operano sulla base di modelli arcaici che non riflettono le aspirazioni dei dipendenti e delle dipendenti di oggi.

A che cosa fai riferimento esattamente?

Gli orari di lavoro irregolari sono ovviamente una realtà. Ma il personale potrebbe anche ottenere maggiore regolarità in orari irregolari. Ai tpg, mi è stato detto che è difficile avere abbastanza autisti il mercoledì perché molti hanno congedo per stare con i loro figli.

Occorre trovare soluzioni per promuovere la conciliazione tra vita professionale e vita privata, un elemento centrale sia per gli uomini, sia per le donne.

C’è un chiaro cambiamento della società e anche i datori di lavoro devono tenerne conto.

Scrivi commento