| Attualità / giornale SEV

Il comitato intende sostenere i fiduciari a livello locale

Le colonne del SEV

La presenza sul postoè fondamentale per l’evoluzione dell’organizzazione del SEV e deve essere rinforzata.

La coach delle sezioni Elena Obreschkow ha presentato al comitato SEV un’analisi della situazione. In diversi luoghi, il SEV non è più presente, a seguito di cambiamenti delle strutture delle sottofederazioni, oppure del trasferimento di posti di lavoro. Per il SEV è però fondamentale disporre di una fitta rete di fiduciari, in quanto il sindacato vive essenzialmente grazie ai propri militanti. Il comitato ha quindi approvato il progetto di «presenza di fiduciari sul posto», strutturato su diversi elementi quali la formazione, l’assistenza e la creazione di una rete di collegamento per i fiduciari, nonché sulla cura di questa rete da parte del SEV, volta a riconoscerne tempestivamente eventuali lacune e a colmarle.

Sul sito internet vi sarà una pagina che indicherà in modo molto semplice ai membri il recapito del SEV più vicino, precisando se si stratta di un fiduciario, di un membro di comitato o di un professionista del sindacato.

Altri punti in breve

Il comitato ha confermato gli uscenti Giorgio Tuti e Werner Schwarzer ed eletto Roland Schwager nel consiglio di fondazione della cassa pensioni SEV.

Al prossimo congresso verrà presentata una proposta per la riduzione a un giorno di tutti i congressi. Per curare l’aspetto collegiale, il comitato propone di organizzare una cena per i delegati la sera prima.

Dallo sciopero del 2008 alle Officine, il personale è rappresentato congiuntamente da SEV e Unia. Per chiarire le condizioni di reclutamento, i due sindacati hanno elaborato una convenzione che offre la possibilità di aderire ad entrambi i sindacati, pur facendo riferimento in primo luogo alla struttura del SEV.

Il SEV proporrà al Consiglio federale di eleggere Fabio Pedrina nel Consiglio d’amministrazione delle FFS, in sostituzione di Andrea Hämmerle che raggiungerà il limite di età. Pedrina è stato Consigliere nazionale PS e presidente dell’Iniziativa delle Alpi e sarà, se eletto dal Consiglio federale, il primo membro del CdA italofono delle FFS SA.

Il comitato ha tratto un bilancio mitigato dalla manifestazione per AVSplus: l’immagine generale è stata positiva, ma il SEV si aspettava una maggior partecipazione dei propri membri. Giorgio Tuti ha riferito che la l’USS interverrà presso la televisione svizzera per la mancata copertura dell’evento.

Peter Moor

Scrivi commento