| Attualità / giornale SEV

Solidarietà

Solidar, la mano solidale dei sindacati

Alla fine di marzo 2021, un grande incendio ha imperversato nei campi per i rifugiati Rohingya in Bangladesh. Solidar Suisse ha fornito a 310 famiglie che avevano perso il loro alloggio utensili da cucina, articoli igienici e materiale di primo soccorso.

In questi tempi difficili sul piano sanitario ed economico, abbiamo pensato che fosse opportuno dare uno sguardo a una ONG come nessun'altra, Solidar Suisse, le cui origini operaie non sono necessariamente ben note. Ci immergiamo nella sua identità con il suo responsabile della comunicazione di lingua francese, Lionel Frei.

Forse vi ricorderete di un essere umano contorto per formare una macchina da cucire? L'immagine è opera di Solidar, ovvero una delle sue ultime campagne di sensibilizzazione sulle indecenti condizioni di lavoro nell'industria tessile. Un'immagine che esprime in sé l'impegno di Solidar. «Siamo attivi nell'aiuto allo sviluppo attraverso progetti. Ma il nostro impegno è naturalmente politico, perché crediamo che la sensibilizzazione delle persone nei paesi del Nord sia fondamentale per fare pressione sulle multinazionali che operano nei paesi del Sud», spiega Lionel Frei.

Tra le ultime campagne, ricordiamo quella per evidenziare le condizioni di lavoro in Qatar nei cantieri legati ai prossimi Mondiali di calcio del 2022 o l'iniziativa per le Multinazionali responsabili o «più recentemente sulla raccolta del cotone in Burkina Faso da parte dei bambini. Questo riguarda direttamente la Svizzera, poiché le aziende attive nella sua commercializzazione hanno sede nel nostro Paese», spiega Lionel Frei.

Anche la produzione di olio di palma in Malesia è stata oggetto di critiche: «Abbiamo indagato su due piantagioni che vendono la loro produzione direttamente e indirettamente a Nestlé. Non c'è accesso all'assistenza sanitaria per i lavoratori; i bambini vi sono impiegati... Le carenze in materia di diritti umani sono evidenti», dice Lionel Frei.

Occorre un sostegno

Solidar non è solo un'ONG tra le tante. Ha le sue radici nel movimento operaio (vedi a fianco). È quindi logico che i sindacalisti dell'USS facciano parte del comitato. Il suo budget annuale è di circa 17 milioni, di cui un terzo proviene dalla Confederazione, circa il 20% dai Cantoni e dai Comuni e un buon quarto da donatori individuali. «Non potremmo essere attivi in così tanti paesi - 15 al momento per 60 progetti - senza le donazioni. Sono tanto più importanti perché il DFAE ha deciso di smettere di sostenere le campagne di sensibilizzazione politica dopo il voto sulle multinazionali responsabili. Ce ne rammarichiamo perché crediamo che questo lavoro di sensibilizzazione sia fondamentale. Ma continueremo a farlo. Va notato che rispettiamo il marchio di qualità Zewo. Questo significa che i donatori possono essere sicuri che l'80% del loro pagamento va al progetto che stanno sostenendo. Il restante 20% è utilizzato per i costi operativi di Solidar: 13% per i costi di amministrazione, 7% per i costi di raccolta fondi» dice Lionel Frei. I membri del sindacato possono anche sostenere l'ONG abbonandosi alla rivista Solidar o alle newsletter, firmando e distribuendo petizioni e campagne. Ogni gesto, anche il più piccolo, conta enormemente per rafforzare la solidarietà e i diritti.

Maggiori informazioni su solidar.ch

Vivian Bologna
Enable JavaScript to view protected content.

Dal Soccorso operaio svizzero a Solidar Suisse

Solidar Suisse è stata fondata nel 1936 come Soccorso operaio svizzero (SOS) su volontà dell'Unione sindacale svizzera (USS) e del Partito socialista svizzero (PSS). L'obiettivo era quello di fornire assistenza ai lavoratori colpiti dalla Grande Depressione del 1929, e poi di fornire aiuti umanitari durante la guerra civile in Spagna. Dopo la guerra, le sue attività si sono estese nel campo dell'aiuto e dell'accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Negli anni '90, l'aumento della disoccupazione ha portato l'organizzazione a riorientarsi verso la reintegrazione dei disoccupati. All'estero Solidar Suisse è impegnata dal 1949 nella cooperazione allo sviluppo e nell'aiuto umanitario. Questo coinvolgimento precoce ne fa una delle più antiche agenzie di aiuto umanitario della Svizzera. Dalla riorganizzazione del 2005, dieci associazioni regionali sono responsabili delle attività del SOS in Svizzera nel campo dell'integrazione professionale e sociale.

L'ex "Dipartimento internazionale di SOS", che era attivo nella cooperazione allo sviluppo, è diventato un'organizzazione indipendente, Solidar Suisse, il cui nome è stato adottato nel 2011.

Riassume il suo programma: Solidar si impegna per la solidarietà, per condizioni di lavoro decenti, per la giustizia sociale e contro la disuguaglianza estrema. Solidar Svizzera promuove anche la partecipazione democratica e contribuisce ai programmi umanitari e alla ricostruzione dopo le catastrofi naturali o causate dall'essere umano nelle regioni svantaggiate.

Scrivi commento