| Attualità / giornale SEV, Comunicati stampa, Coronavirus

Aziende di trasporto bus

Senza protezioni per il personale, nessuna vendita di biglietti!

© ZVB

Il 19 giugno, verrà soppressa la direttiva che sospendeva la vendita di titoli di trasporto sui veicoli da parte del personale. Il SEV resta però fermamente del parere che non sia possibile procedere alla vendita di biglietti se il o la conducente di bus non è protetto/a in modo adeguato.

Autopostale, azienda designata dal Consiglio federale come leader del sistema di trasporto bus, ha specificato nella sua comunicazione che le singole aziende sono competenti e responsabili per la decisione di riprendere la vendita di biglietti sui bus, a dipendenza anche delle loro possibilità di rispettare il relativo piano di protezione. Questo punto sta a cuore anche al SEV, che ribadisce come la vendita di biglietti sui bus possa riprendere solo se il o la conducente risulti adeguatamente protetto/a. La proposta suggerita di una paratia di plexiglas che separi la cabina di guida dal cliente rappresenta la soluzione migliore oltre alla messa a disposizione di disinfettante per le mani in quantità sufficienti e, se del caso, di guanti di protezione. 

In mancanza di una protezione adeguata per il personale, la vendita di biglietti sui bus non può avere luogo! 

Il SEV si impegna per la protezione dei propri membri. In mancanza di una protezione adeguata della cabina di guida, bisogna anche mantenere bloccato l’accesso dei viaggiatori alla prima fila di sedili.  

Il SEV lancia anche un appello ai viaggiatori a voler proteggere loro stessi e le altre persone, seguendo le disposizioni della Confederazione per combattere la propagazione del Corona virus.

Commenti

  • Kommt nicht drauf an

    Kommt nicht drauf an17/06/2020 14:43:09

    Setzt euch endlich für die Wünsche der Mitarbeiter ein und fordert eine freiwillige Verwendung auch für Mitarbeiter und nicht eine Maskenpflicht auch für Kunden

Scrivi commento