| Attualità / giornale SEV

Colpi di diritto

Il peso del divorzio sulla previdenza ente?

Al giorno d’oggi, separazioni e divorzi sono una realtà per molte persone. Se nel 1970 il tasso di fallimento dei matrimoni era del 15 per cento, l’anno scorso superava il 40 per cento.

Con la nuova regolamentazione sul conguaglio della previdenza entrata in vigore all’inizio del 2017, in caso di divorzio o di scioglimento di un’unione domestica registrata, l’avere della previdenza professionale viene diviso più equamente tra i coniugi o i partner. La persona che ha svolto compiti assistenziali durante il matrimonio e quindi non dispone di una previdenza professionale propria sufficiente (spesso la moglie), grazie a questo miglioramento del conguaglio non dovrebbe più risultare penalizzata in caso di divorzio. Il nuovo opuscolo informativo sulla previdenza professionale in caso di divorzio per coniugi e partner registrati tiene conto di queste ed altre novità legislative, come quelle riguardanti l’autorità parentale congiunta e il mantenimento del figlio.

L’opuscolo spiega in modo chiaro le informazioni di base sugli aspetti più importanti e sulle disposizioni legali del diritto del divorzio svizzero e fornisce risposte a domande relative alla previdenza. I vari scenari possibili sono illustrati con esempi concreti.

La guida è stata commissionata dall’Ufficio federale per l’uguaglianza fra donna e uomo UFU in collaborazione con la Conferenza delle delegate e dei delegati alla parità fra donne e uomini, e redatta da Alexandra Jungo, professoressa di diritto civile, e Lena Rutishauser, dell’ Università di Friburgo.

Ufficio federale dell’uguaglianza

La guida può essere già ordinata in tedesco e in francese all’Ufficio federale delle costruzioni e della logistica, mentre la versione in italiano sarà disponibile nel 2018.

Scrivi commento