| Comunicati stampa

Il Consiglio federale definisce le basi del finanziamento del futuro delle ferrovie

Il principio è valido, i provvedimenti meno

Il Consiglio federale ha finalmente presentato una possibilità di finanziare in modo duraturo l’infrastruttura ferroviaria. Il Parlamento sarà tuttavia chiamato a migliorare sensibilmente i vari provvedimenti. Il Sindacato del personale dei trasporti SEV resta del parere che il finanziamento deve coinvolgere anche l’economia.

La decisione del Consiglio federale su „FAIF“ (finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria) è sostanzialmente corretta, dato che, come ha sottolineato il presidente del SEV Giorgio Tuti: «finalmente presenta un finanziamento durevole dell’infrastruttura ferroviaria che mette rotaia e strada sullo stesso piano”.

Il SEV ravvisa però anche grosse lacune, in alcuni dettagli del progetto del Consiglio federale. La principale riguarda il fatto che l’economia, che pure è una delle maggiori beneficiarie del trasporto pubblico, non viene coinvolta nel suo finanziamento. Il SEV giudica inoltre insufficiente l’impegno della Confederazione: “la Confederazione deve assumersi i costi sin qui sostenuti, permettendo al fondo di iniziare la propria attività sgravato da debiti” ha spiegato Giorgio Tuti.

Il SEV approva per contro la proposta di limitare la deduzione fiscale per i pendolari ad un importo corrispondente al prezzo dell’abbonamento generale di seconda classe, che riprende la sua posizione nell’ambito della procedura di consultazione. Restano tuttavia da regolare le eccezioni per i dipendenti che lavorano a turni.

Pur andando nella buona direzione, le attuali proposte del Consiglio federale non possono però essere considerate un controprogetto completo dell’iniziativa popolare sui trasporti pubblici, della quale il SEV è uno dei proponenti, in quanto gli oneri sono ripartiti in modo eccessivamente unilaterale. Giorgio Tuti ha quindi annunciato la volontà del SEV di far valere l’influenza del sindacato sul Parlamento, per ottenere i miglioramenti necessari a questo progetto.

Scrivi commento