| Comunicati stampa

Il SEV prende posizione in merito al mancato rispetto della Legge sulla durata del lavoro da parte delle BLS

Il SEV esige controlli estesi

Corretta applicazione delle disposizioni legali in vigore e controlli estesi dell’ UFT. Ecco le richieste presentate dal Sindacato del personale dei trasporti SEV alfine di combattere efficacemente le infrazioni di cui sono state accusate le BLS.

Il SEV è scioccato di scoprire la dimensione delle manchevolezze della BLS sulla Legge sulla durata del tempo di lavoro di cui la stampa ha dato ampio risalto questo fine settimana. Circostanze aggravanti per un’azienda del settore pubblico.

Se queste informazioni sono esatte, si tratterebbe di una violazione sistematica delle disposizioni in vigore. Questo è inaccettabile ed incomprensibile.

Delle infrazioni sulla durata del lavoro, ce ne sono già state. La situazione attuale è differente, per le aziende sembra essere attraente praticare delle infrazioni alle disposizioni legali sul tempo di lavoro e di riposo (questione TX Logistik). Una politica dei trasporti che esacerba l’emulazione tra aziende è alla fonte di una pressione esercitata sugli impiegati e conduce verosimilmente a queste infrazioni.

Il Sindacato del personale dei trasporti SEV ha come primo scopo la protezione degli impiegati dei trasporti pubblici. Il SEV invita tutte le imprese dei trasporti pubblici al rispetto incondizionato delle disposizioni legali e di configurare le proprie tabelle di servizio di conseguenza. Il SEV constata che L’Ufficio federale dei trasporti (UFT) esegue già un certo numero di controlli. Tenendo in considerazione questa nuova situazione, bisognerà considerare altri controlli sistematici su tutto il territorio. Ed alla luce delle recenti violazioni bisogna prevedere un’ispezione che includa tutte le compagnie ferroviarie.

La vera responsabilità di queste infrazioni è da attribuire alle direzioni e sarebbe sbagliato penalizzare i bassi piani della scala «per esempio» allorquando i principali implicati restano candidi come la neve. Il SEV invita tutti gli impiegati dei trasporti pubblici ad opporsi a dei turni di servizio ed a dei orari di squadra inaccettabili denunciando le trasgressioni delle ore supplementari ed il non rispetto dei tempi di riposo che ne sono le conseguenze. Il SEV offre tutto il sostegno necessario ai suoi membri e l’assistenza giuridica gratuita nel caso si presentasse un conflitto. Il caso della BLS ha dimostrato che gli impiegati non sono al coperto da una denuncia in casi eclatanti. Il SEV esige che le imprese informino ed istruiscano correttamente il proprio personale.

Se l’accusa contro la BLS sarà fondata (come per ogni altra impresa che dovesse comportarsi in modo analogo), si tratterebbe di un duro colpo all’immagine ed alla credibilità dei trasporti ferroviari reputati da sempre più sicuri di quelli stradali.

Scrivi commento